NEWS

Titolo : La filiera a “zero emissioni” del mirtillo di Ortofruit Italia diventa case-history internazionale

La filiera a “zero emissioni” del mirtillo di Ortofruit Italia diventa case-history inter ...

2017/03/6 - 09:33

LINK




“PERCHE’ ZERO EMISSIONI? – CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’”
Green-Thinking

ORTOFRUIT ITALIA VERSO LA GREEN-ECONOMY

Grazie alla collaborazione con il mondo universitario, Ortofruit Italia ha da tempo avviato un percorso di valutazione delle performance ambientali del proprio sistema ortofrutticolo, che ha portato i temi dello sviluppo sostenibile e della sostenibilità ambientale al centro delle strategie aziendali. Questo ha comportato di fatto un approccio rinnovato verso il proprio sistema produttivo/commerciale, avviato nella direzione della cosiddetta “green economy” (combinazione di sostenibilità ambientale, economica e sociale). Questo nuovo indirizzo della governance ha portato all’attivazione volontaria di numerosi percorsi di certificazione ed etichettatura “ecologica”, tali da provare la sostenibilità dei processi produttivi e rendere le filiere ecologicamente ed economicamente più virtuose e competitive. L’obiettivo assunto è pertanto di qualificare il rapporto profitto-etica grazie a un’adeguata azione di marketing, capace di dare valore aggiunto ai marchi aziendali, che esprima altresì i principi etico-sociali cui Ortofruit Italia intende attenersi nell’espletamento della propria mission aziendale. In questa prospettiva, l’LCA (Life Cycle Assessment - Valutazione del Ciclo di Vita) rappresenta uno degli strumenti fondamentali per l’attuazione di una Politica Integrata dei Prodotti, nonché il principale strumento operativo del “Life Cycle Thinking”: si tratta di un metodo oggettivo di valutazione e quantificazione dei carichi energetici ed ambientali e degli impatti potenziali associati ad un prodotto/processo/attività lungo l’intero ciclo di vita, dall’acquisizione delle materie prime al fine vita (“dalla Culla alla Tomba”). La rilevanza di tale tecnica risiede principalmente nel suo approccio innovativo, che consiste nel valutare tutte le fasi di un processo produttivo come correlate e dipendenti. A livello internazionale la metodologia LCA è regolamentata dalle norme ISO della serie 14040’s in base alle quali uno studio di valutazione del ciclo di vita prevede: la definizione dell’obiettivo e del campo di applicazione dell’analisi (ISO 14041), la compilazione di un inventario degli input e degli output di un determinato sistema (ISO 14041), la valutazione del potenziale impatto ambientale correlato a tali input ed output (ISO 14042) e infine l’interpretazione dei risultati (ISO 14043). A livello europeo l’importanza strategica dell’adozione della metodologia LCA come strumento di base e scientificamente adatto all’identificazione di aspetti ambientali significativi è espressa chiaramente all’interno del Libro Verde COM 2001/68/CE e della COM 2003/302/CE sulla Politica Integrata dei Prodotti, ed è suggerita, almeno in maniera indiretta, anche all’interno dei Regolamenti Europei: EMAS (761/2001/CE) ed Ecolabel 1980/2000/CE. L’LCA offre quindi un supporto fondamentale per:
• sviluppo e miglioramento di prodotti/processi;
• marketing Ambientale;
• pianificazione strategica;
• attuazione di una politica integrata dei prodotti e dell’ambiente.



Up Up New-CMS 1.5.5 Valid CSS Valid html 4.01 GNU General Public License Admin